Rebecca

Agnes

Milano, Berlino, 1978

PIANETI | 2011

PIANETI, 2011
(PLANETS)
(12 needle-works on cotton, hand embroidered, on frame, 29,7 x 42 cm or 20 x 42 cm)

PIANETI, 12 ricami a mano su cotone intelaiati, 29,7 x 42 cm o 20 x 42 cm, 2011. Installazione per la mostra ITaliens, junge Kunst in der Botschaft, Ambasciata Italiana a Berlino.

Serie di 12 ricami, ognuno dei quali è dedicato a un pianeta (o pianeta nano) del Sistema Solare. Ogni ricamo si basa su disegni realizzati da scienziati di diverse epoche. La scoperta scientifica è affetta da errori, revisioni e fraintendimenti, mentre l’attribuzione della scoperta stessa è spesso poco chiara. Il nostro immaginario dei corpi celesti è solo parzialmente influenzato dalla scienza, e dai dati, invece è fortemente legato alla narrativa. Una selezione di titoli di romanzi di fantascienza collegati al pianeta è ricamata sul corrispondente ricamo. Il numero dei titoli varia, infatti alcuni pianeti sono più “amati” di altri. Sui pianeti scoperti negli ultimi anni (Cerere, Haumea, Eris, Make Make) non viene visualizzato alcun titolo, perché non c’è ancora una “mitologia” ad essi collegata.



PLANETS, 12 needle-works on cotton, hand embroidered, on frame, 29,7 x 42 cm or 20 x 42 cm,, 2011. Installation for ITaliens, junge Kunst in der Botschaft, Italian Embassy Berlin.

Series of 12 embroideries, each of them is dedicated to a planet (and dwarf planet) of the Solar System. Each embroidery is based on drawings made by scientists of different eras. Scientific discovery is affected by mistakes, revisions, and misinterpretations, while the attribution of the discovery itself is often unclear. Our imaginary of celestial bodies is only partially influenced by science, and data, instead it is strongly related to fiction. A selection of titles of science-fiction novels connected to the planet is embroidered on the corresponding needle-work. The number of the titles changes, in fact some planets are more “beloved” than others. On the recent discovered planets (Ceres, Haumea, Eris, Make Make) does not appear any title, because no “mythology” is related to them yet.

PIANETI, 2011
(PLANETS)
(Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm)

Mars

Ricamo a mano su cotone, 29.7 x 42 cm, 2011.

Giovanni Schiapparelli disegnò diverse mappe della superficie di Marte basandosi sulle sue osservazioni telescopiche. Attribuì nomi ai continenti e ai mari del pianeta. A causa dell’errata traduzione della parola “canali” in inglese, canals al posto di channels, derivarono varie ipotesi di vita su Marte. Ho ridisegnato la mappa del pianeta basandomi su quelle di Schiapparelli, sostituendone i nomi con titoli di romanzi di fantascienza collegati con il pianeta Marte.



Mars

Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm, 2011.

Giovanni Schiapparelli drew different maps of the surface of Mars based on his telescopic observations. He named the “continents” and the “sea” of the planet. Because of the wrong translation in English of the Italian word “canali” (“canals”, instead of “channels”) various assumptions about life on Mars were made. I drew a map of the planet based on the maps of Schiapparelli, in which the original names are replaced by the titles of science-fiction novels connected to Mars.

PIANETI, 2011
(PLANETS)
(Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm.)

Mercury

Ricamo a mano su cotone, 29.7 x 42 cm.

Questo ricamo è basato su una mappa dell’albedo della superficie di Mercurio realizzata in Russia nel 1978. Durante il giorno è impossibile osservare il pianeta a causa della luminosità solare, è visibile solo al tramonto o poco prima dell’alba e solo in specifici periodi dell’anno.



Mercury

Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm.

That needle-work is based on a Russian map of the albedo of Mercury from 1978. During the day it is impossible to observe the planet due to the brightness of the sun. Mercury is visible only at the sunset or at dawn only in few periods of the year.

PIANETI, 2011
(PLANETS)
(Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm.)

Neptune

Ricamo a mano su cotone, 29.7 x 42 cm.

Era già stato osservato da Galileo nel 1612, ma era stato scambiato per una stella fissa. Di fatto Nettuno è stato il primo pianeta trovato utilizzando calcoli matematici più che tramite osservazione. John Couch Adams e Urbain le Leverrier, rispettivamente nel 1846 e nel 1847, calcolarono l’ipotesi della sua posizione.



Neptune

Needle-work on cotton, embroidered by hand, 29.7 x 42 cm.

Neptune was observed by Galileo in 1612, but it was mistaken to be a star. In fact Neptune is the first planet that was discovered through mathematical calculation instead of observational astronomy. John Couch Adams and Urbain le Leverrier, respectively in 1846 and in 1847, calculated the hypothetical position of the planet.

orologi replica orologi replica svizzeri orologi replica rolex

ItalianArea

Social

 

developed by Viafarini
in collaboration with NABA

coded by lettera7