Meris

Angioletti

Milano, 1977

Pedro&Linh | 2004

Pedro&Linh, 2004
P.C./A.C., Palermo
Nel 1995 il Parlamento internazionale degli scrittori ha istituito la rete delle città rifugio, cioè città che offrono ospitalità a scrittori e intellettuali perseguitati in patria per motivi politici. La rete si fonda principalmente sull’autonomia delle singole città, quanto più possibile indipendenti tra di loro e indipendenti dagli Stati, ma alleate nei termini della solidarietà e dell’ospitalità. In Italia hanno aderito la Regione Toscana, offrendo alloggio in diverse città, Venezia e l’isola di Procida. Da queste premesse mi interessa rapportarmi con l’idea di “zona franca”, in quanto luogo privilegiato con statuto d’immunità, e con la condizione apolide, come situazione diffusa di appartenenza (familiarità)/ estraneità ai luoghi. L’estate scorsa abbiamo incontrato Pedro Ruiz, scrittore cubano ospitato a Grosseto e Linh Dinh, vietnamita a Certaldo, che sono diventati le nostre guide in giro per la città. Camminando ci hanno raccontato un po' di cose, dello scrivere, dell’abitare, del perdersi, del riadattarsi in una città straniera. Assieme alle riprese video della loro passeggiata, attraverso i luoghi che sono diventati per loro più familiari, sono montate delle fotografie di angoli ed edifici, nel tentativo di guardare all’architettura delle città centro-italiane attraverso l’occhio dell’altro. Le due esperienze sono montate in una clip unica, intersezione delle due esperienze.

replique montre replique montre france rolex pas cher

ItalianArea

Social

 

developed by Viafarini
in collaboration with NABA

coded by lettera7